Lingue

Amore che apre un cuore con una chiave

Giardino di Boboli

Autore: Domenico Pieratti
Tipologia: statua

Descrizione

La scultura raffigura un giovinetto con le braccia tese in avanti, collocata su un capitello posato su una vasca a navicella, si tratta di: "Amore che apre un cuore con una chiave". Nonostante la perdita degli attributi si può affermare con certezza che si tratta di una delle quattro sculture di Amore che corredavano la balaustra esterna della "Fontana dell'Isola". Le sculture dovevano introdurre il tema dedicato al "Bagno di Venere", così come lo aveva ideato Cosimo II e Giulio Parigi . Il 26 settembre del 1618 furono consegnati al Granduca i bozzetti di gesso degli Amorini, che erano stati ricavati dal pulpito del Duomo di Prato e dovevano servire da modello agli "scultorini" di Boboli . Le statue furono eseguite solo dopo il 24 maggio del 1622, giorno in cui fu ordinato del marmo per Giovan Battista e Domenico Pieratti e per Cosimo Salvestrini da utilizzare per gli Amorini della Fontana dell'Isola . Attraverso un'attenta lettura dei documenti d'archivio Gabriele Capecchi ha ricostruito che i fratelli Pieratti realizzarono sia la statua in questione che la scultura di "Amore che spacca un cuore con un martello"

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.