Lingue

Dionisio o Bacco

Giardino di Boboli

Tipologia:
Sala: Il Viottolone

Descrizione

Dioniso era l'unico degli dei ad essere figlio di una donna mortale, Semele, figlia del re di Tebe Cadmo e di sua moglie Armonia. Era il dio del vino e dell'ubriachezza. I romani lo chiamavano Bacco. Secondo il mito, Semele, incinta del figlio di Zeus, fu vittima di un inganno di "Era", la moglie gelosa di Zeus. "Era", infatti, per vendicarsi, convinse Semele a chiedere a Zeus di mostrarsi in tutta la sua potenza, e Semele morì in seguito alla caduta di un fulmine. Zeus allora estrasse il bambino dal grembo della madre bruciata viva e lo tenne cucito alla sua coscia per due mesi per portare a termine la gravidanza. Questa, secondo alcuni, è l'origine del nome Dioniso, o "nato due volte", e il fatto che nel mondo greco il dio divenne, tra gli altri attributi, il protettore dei feti. Quando nacque, per sfuggire all'ira di "Era", Dioniso fu affidato alla zia materna Ino e a suo marito Atamanthus . Fu poi trasformato in bambino da suo padre e affidato alle ninfe del monte Nisa e allevato dai centauri Chirone e Anfeo. Sempre per sfuggire a Era, Dioniso viaggiò molto; durante uno dei suoi viaggi incontrò e sposò Arianna, abbandonata da Teseo sull'isola di Nasso. Dalla sua unione con Arianna nacquero diversi figli; egli ebbe anche un padre con Afrodite, dea della bellezza e dell'amore, il dio Priapo.

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.