Lingue

Augure

Giardino di Boboli

Tipologia: statua

Descrizione

La statua necessita di uno studio specifico che non compete questa scheda. Si tratta di un'opera i cui caratteri di volume e di superficie ricordano modi dell'Ammannati e di Bandinelli filtrati da una vibrante derivazione dalla statuaria antica, osservabile anche nel sostegno da tronco d'albero su cui posa la cornacchia. La testa, modulata nei ricci, riconduce insieme a quanto finora osservato, verso l'ambito di Giovan Battista Caccini. Nelle fonti settecentesche la figura è indicata come un'Augure, già collocato in loco: l'iconografia è da accettarsi sulla base del testo del Ripa che infatti identifica come attributo degli aruspici "comunque l'uccello giacché i Romani guardavano alle buone nuove attraverso il volo degli uccelli ", puntualizzando che la cornacchia è simbolo di cattivo auspicio

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.