Lingue

Fortezza

Galleria degli Uffizi

Autore: Sandro Botticelli
Tipologia: dipinto
Sala: Sala 9

Descrizione

La Fortezza è un dipinto a tempera su tavola di Sandro Botticelli, datato 1470. Si tratta della più antica opera sicuramente datata di Botticelli. La Fortezza, intesa come determinazione, tiene in mano un bastone del comando e siede su un ampio trono marmoreo con bracci a volute, di ispirazione verrocchiesca. Il colore e il plasticismo marcato derivano dall'esempio di Filippo Lippi, primo maestro di Sandro, così come il tipo fisico della donna dalla bellezza idealizzata, anche se energico e leggermente malinconico come tipico in Botticelli. Le forme sono però più solide e monumentali, animate da una tensione lineare appresa da Antonio del Pollaiolo. Il trono, al posto dell'austero scranno marmoreo del Pollaiolo, è riccamente decorato e dalle forme fantastiche che costituiscono un preciso richiamo alle qualità morali inerenti all'esercizio della magistratura, in pratica un'allusione simbolica al "tesoro" che accompagnava il possesso di questa virtù. La ricchezza del panneggio della veste, pesante come se fosse bagnato, definisce la struttura corporea, ma al tempo stesso la smaterializza, accordando un privilegio alla linea di contorno rispetto agli altri elementi espressivi. Grande capacità è dimostrata nella resa dell'armatura lucida e finissimamente decorata, che dimostra una conoscenza approfondita dell'arte orafa. Fu proprio la continua ricerca della bellezza assoluta, al di là del tempo e dello spazio, che porterà Botticelli a staccarsi progressivamente dai modelli iniziali e ad elaborare uno stile sostanzialmente diverso da quello dei suoi contemporanei, che lo rese un caso praticamente unico nel panorama artistico fiorentino dell'epoca.

Photo Credits: catalogo.beniculturali.it Text Credits: it.wikipedia.org

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.