Lingue

Abbondanza

Giardino di Boboli

Autore: Bernardino Detto Il Poccetti (e aiuti)
Tipologia: statua
Sala: La Via Maestra

Descrizione

Il solo studio attento e completo dell'opera si deve a K.Watson che ha ritrovato numerose notizie documentarie che ne permettono la complessa ricostruzione. Ideata da Giambologna, la statua si deve soprattutto alla mano di Pietro Tacca che vi lavoro' in tre periodi diversi: 1600, 1608 e in fine 1636 dietro richiesta di 3 Granduchi Medicei. Entrato nello studio del maestro nel 1584, il Tacca ne eredito' infatti le com messe insieme alla casa e alla bottega di Borgo Pinti. Niente e' sicuro sull'originaria commissione di Francesco I, ossia di una statua raffigurante Giovanna d'Austria che morta nel 1578 potrebbe aver motivato la necessita' di una commemorazione: l'ipotesi sembra potersi sostenere, giacche' pare che fosse stato eseguito un ritratto in cera della Granduchessa, 1asciato sciogliere al sole da Bastiano Salvini . Nel 1600 Ferdinando I riprese l'idea di commemorare o la sfortunata Granduchessa , o come ipotizzarono Berti e Holderbaum Maria de' Medici, andata in quell'anno sposa al Re di Francia, comunque da raffigurarsi come allegoria della Pace, e da collocare sopra la colonna apposita, fatta da Gherardo Mechini per piazza San Marco . Da una lettera di Giambologna del 25 aprile di quell'anno si ha notizia dell'esecuzione della "figura della colonna", non meglio specificata,- seguono dei pagamenti al Tacca fino al 28 settembre 1601, recatosi a Carrara per il marmo necessario: il blocco era arrivato a Signa il 19 aprile precedente destinato alla "Regina". Con questo nome si ricorda per la prima volta l'opera in questione a cui lavoro' il Tacca fino agli inizi del 1609; fece poi seguito una lunga interruzione che ebbe termine il 15 dicembre 1636 quando la figura fu trasformata in Allegoria dell'Abbondanza, con l'aiuto di Bastiano Salvini e trasportata sulla collina sotto la cerchiata, il 12 aprile 1637. Rigida e solenne l'immagine, sembra rifarsi al tardo "ci assicismo" del Giambologna, ma nelle vesti rigonfie e nei dettagli mostra una vivezza nel resto sconosciuta. La presenza delle spighe e della cornucopia attributi soliti dell'Abbondanza, corrispondono esattamente alla definizione dell'Allegoria della Pace fornita dal Ripa

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.