Lingue

Madonna della melagrana

Galleria degli Uffizi

Autore: Sandro Botticelli
Tipologia: dipinto
Sala: Sala 10-14 - A11-A12

Descrizione

La Madonna della melagrana è un dipinto a tempera su tavola di Sandro Botticelli, datato 1487. Sarebbe raffigurata l’anatomia di un cuore nella melagrana che Gesù tiene in mano in questa Madonna ritratta in posizione centrale, fra sei angeli in atteggiamenti fanciulleschi. Tutti e sei gli angeli guardano in direzioni diverse costringendo lo sguardo dello spettatore a concentrarsi sulla vergine, in posizione dominante, quasi piramidale. Uno bisbiglia nell’orecchio del vicino, un altro sbircia nel libro del suo compagno: tutti dettagli che si ispirano alla naturalezza e quotidianità del reale. L’angelo che proviene da sinistra e ci guarda le porta in dono un giglio bianco, simbolo della verginità di Maria, e reca scritto sulla stola le parole: “Ave gratia plena”, “Salute o piena di grazia”: è l’angelo che annuncia a Maria la nascita del figlio per grazia dello spirito santo, soggetto costante della pittura medievale e rinascimentale. E Gesù saluta lo spettatore, l’umanità, con la mano destra, con gesto benedicente, mentre poggia le dita della sinistra sulla melagrana, simbolo di fecondità e regalità: è infatti un frutto con la coroncina, la particolare dentatura sulla sommità. Ma soprattutto nella melagrana Botticelli prefigura la passione di Cristo, attraverso i chicchi rossi a rappresentare le goccioline di sangue che cadranno dal suo costato quando la lancia di Longino lo trafiggerà sulla croce. Ma c’è di più, una sorpresa: secondo uno studio recente Botticelli avrebbe rappresentato nella melagrana l’anatomia perfetta di un cuore. D’altra parte il pomo si trova in corrispondenza anatomica perfetta col cuore del bambino. La disposizione dei grani e dei setti del frutto spaccato in due disegnerebbe i due atri del cuore, i due ventricoli e il tronco polmonare principale. Perfino la corona della melagrana è separata in due parti che mimerebbero la vena cava superiore e l’arco dell’aorta con le sue tre branche. Insomma in questa Madonna col bambino Botticelli raffigura e compendia la vita di Gesù, tutta la parabola umana del redentore, dall’annunciazione alla crocifissione. E Gesù bambino con la mano destra ci benedice. Ha lo sguardo languido, tranquillo, consapevole, quasi di piena accettazione di un destino su cui poggerà le proprie fondamenta la chiesa.

Photo Credits: catalogo.beniculturali.it - Text Credits: it.wikipedia.org

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.