Idiomas

Firenze

Explora los museos y lugares de Firenze

Firenze

Museo Novecento

310 obras

El Museo Novecento se encuentra en Florencia, en el interior del antiguo Spedale delle Leopoldine, en la plaza Santa Maria Novella. Está dedicado al arte italiano del siglo XX y ofrece una selección de unas 300 obras distribuidas en 15 salas. Se inauguró el 24 de junio de 2014.

Firenze

Jardín de Boboli

131 obras

Modelo de "jardín italiano", Boboli es un verdadero museo al aire libre con terrazas, cascadas, fuentes, arboledas, estanques, estatuas y grutas, como las famosas grutas de Madama o Buontalenti. ¡¡¡Ven a descubrir una maravilla de Florencia!!!

Firenze

Galería de los Uffizi

219 obras

El origen de la Galería de los Uffizi, uno de los mayores museos del mundo, se remonta a 1560, cuando Cosme I de Médicis encargó a Giorgio Vasari la construcción de un gran edificio con dos alas, "más allá del río y casi en el aire", para albergar las oficinas administrativas y judiciales (Uffizi) del Estado florentino. Estas oficinas se enriquecieron con preciosas obras de arte de la familia Médicis, a las que se sumó a lo largo de los siglos un inmenso patrimonio de esculturas, miniaturas, tapices y autorretratos. Entre las más de dos mil obras expuestas se encuentran las de famosos artistas como Leonardo, Botticelli, Giotto, Cimabue, Paolo Cecello, Simone Martini, Piero della Francesca, Miguel Ángel, Filippino Lippi, Rafael, Tiziano y muchos otros.

Firenze

Loggia dei Lanzi

13 obras

A la derecha del Palazzo Vecchio se encuentra la Loggia dei Lanzi, construida en el siglo XIV como lugar para albergar ceremonias y asambleas públicas. El término Lanzi procede de Lanzichenecchi, los soldados alemanes que trabajaban en el séquito de los Medici. Bajo la logia hay muchas estatuas, entre ellas la obra maestra de bronce de Benvenuto Cellini que representa a Perseo con la cabeza de Medusa.

Firenze

Museo de la Ópera de la Catedral

133 obras

El Museo dell'Opera del Duomo alberga obras de arte del conjunto sacro de la Catedral de Florencia, el Baptisterio y el Campanario de Giotto, con un núcleo muy importante de estatuaria gótica y renacentista. Entre las obras más importantes están las de Andrea Pisano, Arnolfo di Cambio, Nanni di Banco, las Puertas de Ghiberti, la Piedad Bandini de Miguel Ángel y una de las mayores colecciones del mundo de obras de Donatello, sólo superada por el Museo Nacional del Bargello.

Firenze

Esculturas de los tabernáculos exteriores de la iglesia de Orsanmichele

14 obras

La iglesia de Orsanmichele, también conocida en la antigüedad como iglesia de San Michele in Orto, se encuentra en Florencia y fue una logia construida originalmente para el mercado de cereales, transformada posteriormente en la iglesia de las Artes, los antiguos gremios florentinos. La iglesia ocupa sólo la planta baja, mientras que el primer piso era el almacén de grano propiamente dicho y el segundo probablemente era utilizado por los gremios florentinos. Mientras tanto, desde 1339, el Gremio de la Seda había solicitado al Ayuntamiento permiso para hacer una serie de tabernáculos con estatuas de los santos patronos de los Gremios, lo que no se concedió hasta 1404, aunque algunos Gremios ya habían mandado hacer algunas estatuas. Se estableció entonces qué Artes tenían el privilegio de uno de los catorce tabernáculos, que debían ser decorados en un plazo de diez años o perderían el derecho a otro Arte. En realidad, el plazo era a menudo más largo. El resultado fue un extraordinario ciclo de escultura de los más grandes artistas florentinos, especialmente los del siglo XV (Nanni di Banco, Donatello, Brunelleschi, Verrocchio, Ghiberti y otros), que compusieron un extraordinario compendio de la transición de las formas tardogóticas a las plenamente renacentistas.

Firenze

Piazza della Signoria

7 obras

La historia de la plaza se remonta a la época en que los güelfos tomaron finalmente el poder en la ciudad y decidieron arrasar las casas de los gibelinos. Esta "demolición" dio lugar a la particular forma de L de la plaza. En el centro se encuentra la estatua de Neptuno, obra de Niccolò Ammannati, irónicamente llamada Biancone por los florentinos. Junto a la estatua hay una placa en memoria de Girolamo Savonarola, el fraile dominico que dirigió la ciudad tras la muerte de Lorenzo el Magnífico y promovió una nueva forma de gobierno popular; fue quemado como hereje junto con dos de sus discípulos el 23 de mayo de 1498 debido a la gran agitación que provocó en los círculos de los poderosos.

Firenze

Galería de Arte Moderno

824 obras

La Galería de Arte Moderno es uno de los museos alojados en el Palacio Pitti de Florencia. Esta vasta colección ofrece un completo panorama italiano del período artístico que va desde finales del siglo XVIII (época neoclásica) hasta las primeras décadas del siglo XX, basado en la pintura italiana pero con algunas importantes esculturas contemporáneas y ejemplos significativos de artistas extranjeros. Se encuentra, por orden cronológico, en el ala norte del palacio, en la segunda planta, en más de treinta salas, una de las últimas zonas del palacio en convertirse en museo, donde hasta los años 30 del siglo pasado vivían ocasionalmente los representantes de la Casa de Saboya cuando visitaban la ciudad, y donde se encontraba la Biblioteca Palatina, parte de la cual se fusionó con la Biblioteca Magliabechiana, así como una parte en el entresuelo conocida como los "ojos", por el tema de la decoración.

Firenze

Museo Marino Marini

168 obras

El museo alberga 183 obras de Marino Marini (1901-1980): esculturas, pinturas, dibujos y grabados. Su disposición es más temática que cronológica, siendo el tema más un estado de ánimo que un asunto iconográfico en el sentido estricto de la palabra: gira en torno a la imponente escultura "Grupo ecuestre de La Haya" (1957-58) situada en el epicentro y bañada por la luz natural del gran ventanal. Marino consideraba que la luz natural era un elemento vinculante para la interpretación de su obra: este criterio está plenamente aceptado y explotado en el museo; hay múltiples puntos de vista, obviando así la aversión del artista a la "obra sobre un pedestal", un concepto muy alejado de la poética de Marino. Las obras fueron donadas en diferentes momentos por Marino Marini y su esposa Marina. En 1980, el primer núcleo de obras fue donado por el artista a la ciudad de Florencia, compuesto por 22 esculturas, 31 pinturas, 30 dibujos y 30 grabados. Posteriormente, en 1988, la viuda de Marini donó otras 42 obras a la ciudad de Florencia para que la colección del museo fuera más completa y profunda. Mientras tanto, los fondos del museo se han enriquecido con otras 25 obras donadas por la Sra. Marini y otros donantes: la Sra. Del Vecchio, el legado Jesi y la Sra. Freccia. El museo contiene exclusivamente obras de Marino Marini realizadas entre 1916 y 1977, todas ellas expuestas en los cuatro niveles del museo.

Firenze

Chiesa di S. Procolo

60 obras

L'antica chiesa romanica risalente al XIII secolo era orientata fino al Cinquecento verso ponente. La facciata attuale, nel luogo dell'abside, è in pietra grezza con rosone centrale tamponato e due ampie finestre laterali. Altre tre finestre si aprono sulla fiancata lungo via Pandolfini, nella quale sono riemerse antiche strutture romaniche. L'edificio venne ristrutturato dal 1739 al 1743 quando divenne sede della confraternita di Sant'Antonio Abate dei Macellai, soppressa poi nel 1785 e, definitivamente XIX secolo.

Firenze

Iglesia de la Trinidad

13 obras

La basílica de Santa Trìnita es una de las más importantes en la evolución histórica y artística de la ciudad de Florencia; según el uso florentino, que refleja la pronunciación nominativa latina, tiene la característica pronunciación resbaladiza: Trìnita. Tiene vistas a la plaza de Santa Trinita y también da nombre al cercano puente de Santa Trinita. Tiene la dignidad de una basílica menor.

Firenze

Chiesa dei SS. Vito e Modesto a Bellosguardo

85 obras

Di antichissima fondazione, secondo alcuni è legata al fatto che una parte di questa collina apparteneva ai cavalieri gerosolimitani, che verso la fine dell'XI secolo vi iniziarono a costruire una chiesa dedicata al Santo Sepolcro. All'esterno la chiesa è preceduta da un loggiato tardo-quattrocentesco con varie lastre tombali e sulla facciata si innalza il campanile. In epoca recente è stata applicata una cancellata a protezione del porticato. All'interno è conservata una tela seicentesca con l'Angelo Custode di Filippo Tarchiani, il Martirio di santa Cristina del pittore inglese dell'Ottocento George Augustus Wallis, in stile preraffaellita, e una tela seicentesca di san Vito e i suoi mentori, forse della bottega di Francesco Curradi, nativo della zona. Al di sotto delle tele di Tarchiani e Wallis sono stati riportati alla luce alcuni affreschi: quelli del 1391 sulle Storie di san Vito, forse di Jacopo da Firenze (attribuzione di Miklós Boskovits) e quello del 1577 che rappresenta le Stimmate di san Francesco d'Assisi, di ignoto. Sempre di ignoto autore (della fine del Cinquecento o inizi del Seicento) è la tela raffigurante Santa Caterina d'Alessandria fra i santi Rocco e Francesco, di scuola toscana. Del XIX secolo la tela Santa Caterina da Bologna.

Firenze

Chiesa di S. Agata

173 obras

La sua fondazione del monastero risale al 1185 circa, e fu sede di vari ordini monastici femminili, ben dodici. Tra quelli che vi risiedettero più a lungo: dal 1211 al 1286 delle monache di sant'Agata, poi le monache camaldolesi di Bibbiena, profughe dal Casentino in seguito alla battaglia di Campaldino (1289), poi dal 1780 vi risiedettero le Montalve e a queste nel 1794 subentrarono le oblate agostiniane di San Giuseppe di San Frediano, provenienti da Monticelli. Fu uno de' più ricchi monasteri della città per i molti lasciti e per la riunione che gli fu fatta in più tempi di altri monasteri e luoghi pii. La chiesa fu fatta costruire a proprie spese da Lorenzo Pucci nel 1592, incaricando Alessandro Allori, che qui diede una rara prova come architetto.

Firenze

Chiesa di S. Egidio

347 obras

Di antichissima fondazione, faceva parte di un convento romanico che era situato fuori le mura. Incluso nella cerchia arnolfiana, nel 1288 si trovò davanti al primo nucleo dell'ospedale di Santa Maria Nuova, fondato da Folco Portinari e presto ampliato, tanto che nel 1296 il primo spedalingo Benedetto Ridolfo da Montebonello, coi figli di Folco, decise di acquistare il convento di Santì'Egidio per farne una nuova sede. All'epoca infatti era abitato da soli otto frati "della Penitenza di Gesù Cristo" detti "della Sacca", e venne stabilito un presso di 2140 fiorini. Da allora Sant'Egidio divenne la chiesa dell'ospedale, e tuttora ne segue le sorti.

Firenze

Chiesa di S. Martino alla Scala

22 obras

L'ospedale di Santa Maria della Scala (poi monastero di San Martino alla Scala) è una struttura storica di Firenze. La struttura ospedaliera (che ha dato il nome alla strada), venne fondata nel 1313 da Cione di Lapo Pollini, console dell'Arte della Lana, per i poveri, i pellegrini, i malati ambosessi e le partorienti, oltre che per i fanciulli abbandonati, e messa sotto le dipendenze dell'ospedale di Santa Maria della Scala di Siena. Nel 1481 Sandro Botticelli dipinse per la chiesa una grande Annunciazione ad affresco, ora staccata e conservata agli Uffizi. Altri affreschi tardo-trecenteschi con Storie di san Bernardo degli Uberti vennero staccati e collocati nella villa di Vincigliata, a Fiesole.

Firenze

Chiesa di S. Filippo Neri già S. Firenze

290 obras

Il complesso di San Firenze, situato nell'omonima piazza, è uno dei rari esempi di stile barocco nel centro di Firenze, il più importante del periodo tardo di questo stile. È stato a lungo occupato dal tribunale e dagli uffici giudiziari, tranne la chiesa di San Filippo Neri, sempre officiata. Dopo il trasferimento nel palazzo di Giustizia di Novoli, il complesso è ritornato nella disponibilità del Comune in quanto proprietario, e alcuni spazi sono stati usati per occasionali eventi, nell'attesa di un restauro globale. Dal luglio 2017 ospita il Centro internazionale per le arti dello spettacolo Franco Zeffirelli, che raccoglie l'intero patrimonio artistico e culturale del maestro

Firenze

Chiesa di S. Giovannino dei Padri Scolopi

146 obras

Esisteva in questo sito un piccolo oratorio dedicato a san Giovanni Evangelista sin dal 1351, quando un tale Giovanni di Lando della famiglia Gori lasciò una cospicua eredità per l'edificazione dell'edificio di culto. Con l'arrivo della Compagnia di Gesù in città (1557), il granduca Cosimo I affidò ai padri gesuiti la chiesetta ormai malandata, che fu presto riedificata a partire dal 1579, su progetto di Bartolommeo Ammannati, l'architetto di corte. I lavori iniziarono dall'attiguo Collegio; in seguito si iniziò a ricostruire anche la chiesa ispirandosi alla chiesa del Gesù a Roma (1581). I lavori, che proseguivano particolarmente a rilento per quanto riguarda la chiesa, passarono a Giulio Parigi e successivamente ad Alfonso Parigi il Giovane, che terminò l'opera solo nel 1661.

Firenze

Chiesa di S. Salvatore al Monte o S. Francesco al Monte alle Croci

135 obras

La chiesa di San Salvatore al Monte è un luogo di culto cattolico di Firenze situato sulla collina dietro il piazzale Michelangelo, detta il Monte delle Croci, appena al di sotto della basilica di San Miniato. Negli ultimi decenni del Quattrocento per volontà prima del ricco mercante Castello Quaratesi e, dopo la sua morte, dall'Arte di Calimala (come ricorda lo stemma con l'Aquila sul frontone), si intraprese un rifacimento dell'edificio, su progetto di Simone del Pollaiolo, detto il Cronaca, fra il 1499 e il 1504. A partire dall'assedio del 1529, e per tutto il secolo XVI, la chiesa e il convento subirono gravi danni, solo in parte arginati da restauri, tanto che nel 1665 i frati lasciarono definitivamente San Salvatore, in stato di avanzata decadenza, ai francescani spagnoli detti Scalzetti, e si trasferirono in Ognissanti, portando con sé molti degli arredi e decorazioni.

Firenze

Museo Egizio

126 obras

Il Museo Egizio di Firenze è secondo in Italia solo al famoso Museo Egizio di Torino. Un primo nucleo di antichità egiziane era presente a Firenze già nel Settecento nelle collezioni medicee, ma nel corso dell’Ottocento fu ampiamente incrementato. Grande merito in proposito ebbe il Granduca di Toscana Leopoldo II, che, oltre ad acquistare alcune collezioni, finanziò insieme a Carlo X re di Francia, una spedizione scientifica in Egitto negli anni 1828 e 1829. La spedizione era diretta da Jean Francois Champollion, il decifratore dei geroglifici e dal pisano Ippolito Rosellini colui che sarebbe diventato il padre dell’egittologia italiana, amico e discepolo di Champollion. I numerosi oggetti raccolti lungo il viaggio, sia eseguendo scavi archeologici, sia acquistando reperti da mercanti locali, furono equamente suddivisi al ritorno tra il Louvre di Parigi e Firenze. Nel 1855 fu istituito formalmente il Museo Egizio di Firenze e nel 1880 l’egittologo piemontese Ernesto Schiaparelli, il futuro direttore del Museo Egizio di Torino, fu incaricato di trasferire e riordinare le antichità egiziane nell’attuale sede insieme al Museo Archeologico. Con Schiaparelli le collezioni fiorentine ebbero un nuovo notevolissimo incremento, grazie ai suoi scavi e acquisti effettuati in Egitto prima di trasferirsi a Torino. L’ultimo gruppo di raccolte pervenute al Museo Egizio di Firenze consiste in donazioni di privati e di istituzioni scientifiche: in particolare sono da ricordare i reperti donati dall’ Istituto Papirologico Fiorentino, provenienti dagli scavi effettuati in Egitto tra il 1934 e il 1939. Fra questi reperti è la collezione di stoffe di epoca Copta, che è una delle più ricche e importanti del mondo.

Firenze

Museo di Palazzo Vecchio

304 obras

Palazzo Vecchio si trova in piazza della Signoria a Firenze ed è la sede del Comune. Rappresenta la migliore sintesi dell'architettura civile trecentesca cittadina ed è uno dei palazzi civici più conosciuti nel mondo. Chiamato in origine palazzo dei Priori, venne successivamente identificato nel XV secolo come palazzo della Signoria, dal nome dell'organismo principale della Repubblica di Firenze; nel 1540 divenne "palazzo Ducale", quando il duca Cosimo I de' Medici ne fece la sua residenza; infine il nome Vecchio lo assunse dopo il 1565 quando la corte del Duca Cosimo si spostò nel "nuovo" Palazzo Pitti. Non sono presenti porte o aperture per la sicurezza di chi amministrava il potere. Ci si poteva accedere solamente dal cortile Dal 1865 al 1871 fu sede del Parlamento del Regno d'Italia, mentre oggi ospita il Sindaco di Firenze e vari uffici comunali. Vi si trova inoltre un museo, che permette di visitare le magnifiche sale dove lavorarono, fra gli altri, Agnolo Bronzino, Ghirlandaio, Giorgio Vasari, e dove sono esposte opere di Michelangelo Buonarroti, Donatello, Verrocchio. L'edificio si è gradualmente ingrandito verso est, arrivando ad occupare un isolato intero e allungando l'iniziale parallelepipedo trecentesco fino a quadruplicarne le dimensioni, con una pianta che ricorda un trapezio del quale la facciata è solo il lato più corto. Sulla facciata principale a bugnato, la Torre di Arnolfo è uno degli emblemi della città.

Firenze

Museo Stefano Bardini

428 obras

Il Museo ospita la raccolta dell’antiquario ottocentesco Bardini, il quale, alla sua morte, cedette la sua splendida collezione al Comune di Firenze. Nel Museo, oltre ai numerosi capolavori di arti minori, sono ammirabili, anche, sculture e dipinti; tra le opere principali sono conservate la statua della Carità, opera di Tino di Camaino, risalente all’inizio del XIV secolo, la Madonna dei Cordai di Donatello e la tavola con San Michele Arcangelo e il drago, eseguita tra il 1460 e il 1470 dal Pollaiolo.

Firenze

Museo dell'Ospedale di Santa Maria Nuova

158 obras

L'ospedale di Santa Maria Nuova è un ospedale di Firenze, situato nell'omonima piazza, nel centro storico. Fondato nel 1288 da Folco Portinari, padre della celebre Beatrice amata da Dante, è l'ospedale più antico della città tra quelli tuttora pienamente attivi, e uno dei più vecchi d'Europa. Nella sua storia plurisecolare l'ospedale e la sua chiesa di Sant'Egidio furono abbelliti da importantissime opere d'arte, oggi in parte confluite in istituzioni museali o tuttora in loco; inoltre riveste un posto nella storia della medicina grazie soprattutto all'antica Facoltà di Medicina e Chirurgia e all'attività di Maurizio Bufalini. Il complesso appare nell'elenco redatto nel 1901 dalla Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti, quale edificio monumentale da considerare patrimonio artistico nazionale.

Firenze

Cimitero monumentale delle Porte Sante

519 obras

Il cimitero delle Porte Sante è un cimitero monumentale di Firenze situato entro il bastione fortificato della basilica di San Miniato al Monte. Il cimitero si snoda sul bastione michelangiolesco attorno a San Miniato. Il lato panoramico (piazzale Galleria, piazzale Fontana), accanto alla scalinata che porta alla basilica, è occupato da alcuni dei monumenti più prestigiosi (Spadolini, Cecchi Gori, Annigoni, Papini...), mentre la parte più antica si trova sul retro della basilica, con le sepolture ottocentesche (Vecchia Galleria e bastione Pian di Sco'), che si trovano ai lati dei perpendicolari viali Coveri e Longinotti. Sepolture per lo più degli anni dieci, venti e trenta del Novecento si trovano nei bastioni occidentale e nord-occidentale, mentre nella proseguire nelle zone Pozzo e Montagnola si trovano le tombe per lo più dagli anni Quaranta in poi. Le cappelle gentilizie si trovano lungo il perimetro oppure, in costruzioni isolate, nella zona alle spalle della basilica e sud-est del palazzo dei Vescovi. Tra queste la cappella Pettini fu decorata da Galileo Chini. Infine un colombario moderno (nuova Galleria), si trova parzialmente interrato tra il piazzale Galleria e il baluardo del Cantiere.