Lingue

Vesta

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Pietro Tenerani
Tipologia: scultura

Descrizione

Per un approfondimento delle vicende storico-artistiche relative al ciclo di sculture e all'Ercole e Lica di Canova, si rimanda alle schede NCTN 00828202 e 00828203. Al carrarese Pietro Tenerani, tra i più importanti scultori attivi nella capitale pontificia, furono commissionate dal principe Alessandro Torlonia le statue di due divinità legate al fuoco: Vesta e Vulcano (cfr. scheda NCTN 00828214). Oreste Raggi, nella sua biografia dell'artista, afferma che il contratto fu stabilito nell'aprile del 1842 e che la consegna delle due opere era prevista per il mese di giugno dell'anno successivo (cfr. Raggi, 1880, p. 212). Tenerani godeva del favore dei Torlonia, dal momento che si rivolsero a lui anche in altre occasioni, affidandogli nel 1843 l'esecuzione del Monumento di Anna Maria Torlonia, assieme alla Deposizione, per la cappella di famiglia in San Giovanni in Laterano.Tra i possibili riferimenti scultorei per la Vesta, di cui fu particolarmente ammirato il panneggio, si segnala la Minerva Giustiniani (138 ca. - 193 ca., Musei Vaticani), con la quale - escludendo la testa - si riscontrano notevoli analogie. L'opera fu poi replicata, tra il 1866 e il 1869 - apportando qualche cambiamento nella lunghezza delle gambe e nel panneggio - per Ludovico di Baviera, che la destinò alla Gliptothek di Monaco (cfr. Grandesso, 2003, p. 143)

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.