Lingue

Venditore di cerini

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Antonio Mancini
Tipologia: dipinto

Descrizione

Nel corso degli anni Settanta Mancini realizza una serie di importanti viaggi ed esperienze formative che lo portano ad avvicinarsi alla contemporanea pittura europea mutuando la ricerca luministica impressionista e la progressiva eliminazione dei contorni. Tuttavia, da un punto di vista tematico, l'artista nel corso della sua attività continuerà sempre a rappresentare il mondo dell'infanzia, della realtà misera dei vicoli di Napoli, degli scugnizzi, temi, presenti anche nell'arte di Gemito, che fin dall'inizio avevano costituito il nucleo dominante della sua poetica. Anche Il venditore di cerini - titolo forse tramandato dallo stesso Mancini - rappresenta infatti uno dei variegati e caratteristici mestieri improvvisati nei vicoli napoletani dai tanti scugnizzi in cerca di sopravvivenza.L'opera, firmata ma non datata, è verosimilmente da far risalire al 1878, dopo i due soggiorni parigini, quando il pittore anticipa quella corrosione della forma e della materia cromatica nella luce che esaspererà poi con le esplosioni pittoriche del suo periodo più tardo.L'opera è stata esposta alla mostra manciniana di Torino del 1940 (Antonio Mancini 1940, n. 2)

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.