Lingue

Vanitosa

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Umberto Coromaldi
Tipologia: dipinto

Descrizione

Il dipinto, uno dei più famosi di Umberto Coromaldi, fu eseguito nel 1901 a Roma, dove l'artista nacque e dimorò fino alla morte. La figura ritratta, definita addirittura "base di tutta l'arte di Coromaldi" , non è stata identificata, ma potrebbe trattarsi di un vero e proprio ritratto, in linea con il risvolto intimista e borghese della Roma "belle epoque" che predilige la pittura di interni . I dipinti di Coromaldi, infatti, sono stati messi in relazione alla produzione artistica di Camillo Innocenti e Arturo Noci, i maggiori rappresentanti della pittura d'interni d'inizio secolo . La resa di "Vanitosa" mediante piani nettamente delineati, tuttavia, si discosta dal divisionismo di questi ultimi: ricorda piuttosto lo stile di Vittorio Corcos, di Anders Zorn e in particolare di John Singer Sargent, alla cui pittura Coromaldi dev'essere approdato tramite il maestro Antonio Mancini.Nel ritratto è altresì ravvisabile un'affinità con la cosiddetta fotografia artistica che, all'epoca, sostituiva spesso i ritratti ad olio."Vanitosa" si collega ad altre opere di Coromaldi di soggetto analogo, come "La donna e lo specchio" : in entrambe le opere, come in "Vanitosa", è presente l'elemento dello specchio. Nel dizionario del Bénézit, figura di proprietà della GNAM anche la "Femme au miroir" che appartiene invece al Museo Civico Marangoni di Milano. Nel dizionario del Comanducci, "Vanitosa" è dato erroneamente alla Galleria d'Arte Moderna di Milano

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.