Lingue

Torso di negra al bagno o Nascita di Venere

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Pino Pascali
Tipologia: scultura

Descrizione

Si tratta di un'opera appartenente agli esordi dell'attività artistica di Pino Pascali. Diplomatosi in scenografia all'Accademia di Belle Arti di Roma nel 1959, dopo aver trascorso gli anni seguenti lavorando in pubblicità e per la televisione, a partire dalla fine del 1964 l'artista si dedica alla creazione di opere raffiguranti particolari del corpo femminile. In sintonia con l'indirizzo dominante del momento, Pascali rifiuta i linguaggi tradizionali per elaborare quadri-oggetto, dove la tele, montate su centine di legno, assumono la tridimensionalità della scultura. L'ingigantimento e la messa in primo piano di un frammento umano, se risente delle contemporanee sperimentazioni della Pop americana, non è senza legami con le personali esperienze di Pascali nell'ambito della cinematografia e della pubblicità. Si manifesta comunque, già in queste prime opere, quella componente ludica, intrecciata alla ricerca dell'elemento primario, atavico e ancestrale che caratterizzerà tutta la successiva produzione di Pascali. Non datata, come d'altra parte quasi tutte le creazioni dell'artista, "Torso di negra al bagno", esposta per la prima volta nel settembre del 1965 alla mostra "Revort1" organizzata alla Galleria d'Arte Moderna di Palermo , può quindi essere collocata tra la fine del 1964 e l'estate del 1965. Si può comunque propendere con maggiore certezza verso quest'ultima data , dal momento che l'opera non è compresa tra i pezzi di donna presentati alla prima personale di Pascali, inaugurata alla Galleria La Tartaruga l'11 gennaio 1965.Un'altro "Torso di Negra al bagno", del tutto analogo all'opera in oggetto ad eccezione del costume, intero invece che a due pezzi, è conservato in collezione privata

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.