Lingue

Piove (Le oche)

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Leonardo Bistolfi
Tipologia: scultura

Descrizione

Terminati gli studi all'Accademia di Brera, Leonardo Bistolfi si inserisce nell'ambiente della Scapigliatura lombarda, interessandosi particolarmente alla scultura di Giuseppe Grandi e alla pittura di Tranquillo Cremona. Negli anni ottanta dell'Ottocento la sua produzione è caratterizzata da una dichiarata adesione a tematiche veriste con opere a soggetto campestre e popolare, come Le Lavandaie, scultura ispirata al romanzo di Zola L'Assommoir e realizzata con tale evidenza realistica da essere rifiutata alla Promotrice di Torino del 1882 per offesa alla decenza.Dal 1895 lo scultore si dedica ad un vero e proprio rinnovamento stilistico con la realizzazione di opere in cui confluiscono elementi di stile Preraffaellita, Simbolista e Liberty, fino a divenire negli anni successivi vero e proprio capofila della stagione simbolista in Italia.Piove (Le oche), nota anche con il titolo Brutto tempo, appartenente alla fase verista dello scultore, venne acquistata dallo Stato per la nuova Galleria Nazionale d'Arte Moderna all'Esposizione di Venezia del 1887, primo riconoscimento pubblico per l'artista. La scultura nacque come una sfida ai limiti dell'arte plastica tradizionale, raffigurando una contadinella che ha portato da mangiare alle oche e si affretta a ripararsi dall'incombente acquazzone. La rappresentazione è resa nei dettagli, dal terreno fangoso, cosparso degli escrementi degli animali, al cespuglio spinoso dove la gonna della giovane contadina si è aggrovigliata.L'opera fu stigmatizzata da alcuni critici dell'epoca come "scultura pittorica" ma Bistolfi ne rivendicava la capacità di esprimere emozioni e sentimenti, offrendo "un'interpretazione ingenua ed onesta tendente a riprodurre le commozioni soggettive che (la visione della natura) procura" (Bistolfi 1890, cit. in Bistolfi 1984, pag. 60)

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.