Lingue

Paesana toscana

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Cristiano Banti
Tipologia: dipinto

Descrizione

Il piccolo dipinto su tavola potrebbe costituire un ritratto di Alaide, figlia dell'artista (Cfr. Matteucci, op. cit.). La prima storia dell'opera è raccontata da Adriano Cecioni nelle pagine de "La Domenica Letteraria" (cfr. Cecioni, op. cit.): fu esposta per la prima volta nella Galleria Lega-Borrani, spazio espositivo situato in piazza Santa Trinità a Firenze aperto dai pittori da cui prende il nome, col sostegno di Nino Costa, del critico Diego Martelli e dello stesso Banti: qui fu acquistato dal conte Luigi Pisani, il quale "lo rivendè, dicono, a caro prezzo" (cit.). L'opera si collega ad altri dipinti di Banti in cui la stessa Alaide appare in atteggiamenti simili: si veda, ad esempio, "Giovane donna che fa la Treccia", del 1873, conservato a Milano presso la collazione Jucker, o "Contadina che dà da mangiare a un'anatra", eseguita in due versioni, una datata 1871, l'altra 1872, entrambe facenti parte di collezioni private (cfr. Matteucci, op. cit.)

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.