Lingue

Ninfee rosa

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Monet Claude
Tipologia: dipinto

Descrizione

L'opera era inizialmente proprietà di Michel Monet a Giverny, passò poi alla Galleria Katia Granoff di Parigi e alla Galleria Marlborough di Londra, dove venne acquistata dalla GNAM nel 1962.Il laghetto artificiale di Giverny costituisce uno dei soggetti più ricorrenti della produzione di Monet, a partire dal 1896 e soprattutto tra il 1904 e il 1906.Nel suo catalogo dell'opera di Monet, D. Wildestein anticipava l'esecuzione dell'opera agli anni che vanno dal 1897 al 1899 ca. Lo studioso riteneva infatti che questo dipinto, insieme ad altri otto da lui pubblicati , fosse uno degli studi preliminari per le "Décorations de Nymphéas", cui l'artista lavorò dopo il 1897, stando alla testimonianza di Maurice Guillemot .Il giornalista aveva visto nell'atelier di Giverny dei grandi dipinti rappresentanti le ninfee e riferisce che, nel presentargli queste opere, Monet gli aveva parlato dell'effetto che avrebbe prodotto una loro giustapposizione in una stanza circolare. Si tratterebbe dunque di un primo progetto per le Grandes décorations de l'Orangérie del quale farebbe dunque parte l'opera della GNAM. Monet dimenticherà questa e le altre sette tele del gruppo fino al 1914, anno in cui scrive a Geoffroy: "Conto anche d'intraprendere grandi cose, e vi mostrerò alcuni vecchi tentativi di realizzarle che ho trovato in un ripostiglio" . Una fotografia di Monet nel suo primo atelier a Giverny, pubblicata da A. Arnyvèlde in un articolo intitolato Le peintre de la lumière , è visibile il dipinto della GNAM. L'artista lavorò in questo primo atelier fino all'inizio del 1899.L'opera farebbe dunque parte della cosiddetta "prima serie" delle ninfee che, secondo R. Tassi , Monet eseguì tra l'agosto e il settembre 1897

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.