Lingue

Mulini a Verona

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Bartolomeo Bezzi
Tipologia: dipinto

Descrizione

Di origine trentina, Bezzi si sposta a Milano intorno al 1870 per frequentare l'Accademia di Brera sotto la guida di Giuseppe Bertini, assorbendo da subito, però, le spinte antiaccademiche di Carcano, Gignous e Previati. La precoce propensione al paesaggio lo porta a frequenti rientri in Trentino dove si lascerà ispirare dalle vedute alpine. Nel 1880 il pittore si trasferisce a Verona dove realizza dipinti ispirati a vedute cittadine, come "Mulini sull'Adige" e "Verona lungo l'Adige" esposti all'Esposizione Internazionale di Roma del 1883, occasione in cui espone anche "Pescarenico" che l'anno precedente aveva vinto il premio Fumagalli a Brera. Il dipinto in esame, rientra dunque nella scia dei dipinti esposti a Roma nel 1883, ed è stato acquistato all'Esposizione di Belle Arti alla Permanente di Milano del 1886. Esso descrive con attenzione naturalistica e la tipica pennellata sfrangiata di derivazione scapigliata appresa negli anni della formazione milanese, un brano del veronese, caratterizzato da una tavolozza tenue e accento intimista, venato di motivi lirici e sentimentali, caratteristica della poetica dell'artista

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.