Lingue

L'arrivo del bollettino della pace di Villafranca

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Domenico Induno
Tipologia: dipinto

Descrizione

Domenico, fratello maggiore di Gerolamo Induno, frequentò l'Accademia di Brera, prediligendo in particolar modo prima la pittura di soggetto storico e poi quella di genere. Dal 1860 l'artista inizia a lavorare al tema "Il Bollettino di Villafranca", eseguendo, oltre a questo, numerosi studi e bozzetti. Due anni dopo portò a termine l'ultima grande tela, commissionata ed acquistata dal re Vittorio Emanuele II, per destinarla alla Galleria delle Battaglie di Palazzo Reale a Milano. Quest'opera valse a Domenico la nomina di Cavaliere dei Santi Maurizio e Lazzaro a cura di M. V. Marini Clarelli, F. Mazzocca, C. Sisi, 2008, n.56, p. 204; P. Zatti, in 1861 I pittori del Risorgimento, cat. mostra a cura di F. Mazzocca e C. Sisi, Roma, V.1, 2010, p. 148). L'armistizio di Villafranca fu concluso l'11 luglio del 1859 tra Napoleone III e Francesco Giuseppe d'Austria. Per volontà del re francese l'esercito franco-piemontese dovette sospendere la guerra contro l'Austria dopo le vittoriose battaglie di Magenta, Solferino e San Martino. L'accordo con l'imperatore lasciò Venezia sotto il dominio straniero e ciò provocò una grande delusione per coloro che credevano nell'alleanza coi francesi per il compimento unitario. L'armistizio di Villafranca, firmato da Vittorio Emanuele II il 12 luglio e ratificato dalla Pace di Zurigo nel novembre 1859, causò le dimissioni del Presidente del Consiglio piemontese Cavour. Domenico Induno scelse di rappresentare un'immagine che potesse cogliere le diverse reazioni del popolo generate dall'arrivo di tale notizia, ritraendo un gruppetto eterogeneo di persone riunite in una trattoria, come indica la scritta in alto a sinistra sul muro dell'edificio. Una bandiera tricolore in alto a destra si contrappone alle aspettative ed alle espressioni amareggiate dei volti di soldati, di uomini in borghese, di donne e di bambini. "E' il giorno del 14 luglio 1859, in cui venne in Milano di sorpresa la notizia della pace di Villafranca; io voglio raggiungere l'impressione che fece nel popolo e non già l'atto ufficiale" . Questo tema probabilmente fu ispirato dal dipinto di David Wilkie, Chelsea Pensioners reading the Gazette of the Battle of Waterloo dove, analogamente al dipinto di Induno, la rievocazione dell'arrivo del bollettino della battaglia di Waterloo era affidata ad un gruppo di cittadini all'esterno di un umile locale . Il dipinto è stato acquistato dalla Galleria Nazionale d'Arte moderna nel 1940 dal collezionista fiorentino Francesco Ciardello che, in questa occasione, ha ricordato che la tela avrebbe una provenienza inglese, come menziona il cartellino posto sulla cornice. Negli anni sessanta dell'ottocento sarebbe infatti stato donato ad un lord da un gruppo di artisti lombardi ed in seguito, riportato a Firenze dagli eredi, fu acquistato da Francesco Ciardello

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.