Lingue

L'Aia

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Gustave Castan
Tipologia: dipinto

Descrizione

Il dipinto appartiene alla produzione matura del ginevrino Gustave Castan, formatosi dapprima alla locale Accademia di Belle Arti ed entrato in seguito nello studio di Alexandre Calame, all'epoca il più importante artista della città svizzera, presso il quale identificò una predilezione per la pittura di paesaggio. All'indomani del suo trasferimento a Parigi nel 1849, risentì inoltre dell'importante influenza di Corot, completando la definizione del proprio linguaggio di paesaggista pacato, dalle atmosfere terse e brillanti fondate su prevalenti tonalità argentate, che gli valsero il paragone frequente con Charles François Daubigny. Il dipinto in esame, dal meno frequente taglio verticale, unisce le tipiche ambientazioni atmosferiche e luministiche di Castan a uno scorcio in cui, rispetto agli ampi paesaggi lacustri inquadrati da grandi quinte arboree, predomina l'architettura della casa in mattoni rossi, trattando il motivo in chiave leggermente più aneddotica per l'aggiunta della bambina con le oche. L'opera è entrata nelle collezioni della Gnam nel 1982, nell'occasione del suo passaggio da Christie's, sede di Roma, con provenienza sconosciuta, esercitando il diritto di acquisto da parte del Ministero , per la cifra di Lire 2.850.000

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.