Lingue

I Saturnali

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Ernesto Biondi
Tipologia: scultura

Descrizione

Nell'antica Roma, i Saturnali erano le feste celebrate nel mese di dicembre in onore di Saturno; la loro organizzazione definitiva avvenne nel 217 a. C., sotto la spinta dei disastri militari della seconda guerra punica. Si trattava di un rito che intendeva richiamare la mitica età dell'oro, quando, proprio sotto il regno di Saturno, si viveva in pace e nell'abbondanza. Durante i giorni di festa le gerarchie venivano rovesciate, gli schiavi acquisivano in maniera fittizia gli stessi diritti dei padroni e ne prendevano il posto; ogni sfrenatezza era consentita. Nel gruppo di dieci personaggi ebbri scolpiti da Biondi - derivato dai Parassiti di Achille D'orsi e da fonti pittoriche quali I romani della decadenza di Thomas Couture - è possibile riconoscere uno spaccato della società romana di epoca imperiale e dei suoi vari strati, con l'intento di mostrarne la degenerazione . Le iscrizioni riportate sul lato posteriore del basamento consentono di integrare la lettura dell'opera: vi sono riferimenti alla sesta satira di Giovenale, contro la lussuria e la corruzione dei costumi ; ad alcuni versi dei Pharsalia di Lucano , relativi alla previsione del declino di Roma; all'Epistola a Eliodoro di San Girolamo , dove si fa riferimento al crollo dell'Impero per l'avanzare dei barbari e alla nuova spiritualità cristiana. In seguito al successo riportato dalla scultura di Biondi all'Esposizione Universale di Parigi del 1900 , una seconda versione dell'opera fu presentata nel 1902 all'Esposizione Panamericana a Buffalo. In tale occasione il direttore del Metropolitan Museum di New York propose all'artista di esporre il gruppo nella hall del museo per un anno, trascorso il quale sarebbe stato acquistato o restituito. Ma l'opera venne duramente attaccata per la volgarità del soggetto e, ritenuta non appropriata ad un museo pubblico, ne venne impedita l'esposizione. Attualmente è collocata nel Giardino Botanico di Buenos Aires

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.