Lingue

Gli ultimi momenti di Carlo Alberto

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Gaetano Previati
Tipologia: dipinto

Descrizione

Iniziati gli studi artisti nella sua città natale, Ferrara, l'artista ben presto si trasferisce a Milano, dove frequenta l'Accademia di Brera. Il suo stile nell'ultimo decennio del XIX secolo si rivela moderno ed innovativo rispetto alla pittura accademica dell'ottocento, tanto che Previati è considerato l'iniziatore del divisionismo in Italia. La tela di proprietà Gnam, collocata cronologicamente al 1884, anno in cui fu presenta all'Esposizione di Torino con il titolo "Oporto", è invece da attribuire stilisticamente agli anni in cui l'artista opera ancora nell'ambiente romantico lombardo, prediligendo i temi delle gesta e della morte degli eroi storici o letterari. Qui l'artista ritrae il re Carlo Alberto di Savoia negli ultimi momenti della sua vita. Il sovrano, dopo aver promulgato nel 1848 lo Statuto, che da lui prese il nome di Statuto Albertino, rendendo il Regno di Sardegna una monarchia costituzionale di stampo liberale e dopo aver intrapreso la prima guerra d'indipendenza (1848-1849), abdicò in favore del figlio Vittorio Emanuele II, il futuro re d'Italia, e si ritirò in esilio a Oporto in Portogallo, dove morì il 28 luglio del 1849. L'opera dopo la prima esposizione è stata probabilmente acquistata dallo stesso donatore Jannello, italiano residente a Buenos Aires, come ricorda una lettera di Previati datata 22 agosto 1893, in cui pregava il signor Demarchi di mandargli dall'America il Carlo Alberto per utilizzarlo a Roma (cfr. Lettera al fratello Giuseppe, Milano, 22 agosto 1893, pubblicata in F. Bellonzi, T.Fiori, Roma 1968, vol. I, p.284). Delle successive trattative per il rientro a Roma dell'opera non si hanno notizie e il commendatore Jannello, verosimilmente, lo tenne presso di sé fino a quando nel 1914 lo donò alla Galleria

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.