Lingue

Gli emigranti

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Angelo Tommasi
Tipologia: dipinto

Descrizione

Fratello maggiore di Ludovico e cugino di Adolfo, Angelo Tommasi riceve i primi apprendimenti di pittura alla Scuola Comunale di Disegno di Livorno e negli studi di Angiolo Lemmi e Natale Betti. Trasferitosi a Firenze, si iscrive all'Accademia di Belle Arti, andando a vivere con la famiglia nella villa di Bellariva sull'Arno, che diviene in quel periodo sede di un salotto artistico animato da letterati e da pittori, tra cui i macchiaioli Fattori, Lega e Borrani, dai quali il giovane Angelo trae nuovi stimoli per la propria formazione che lo indirizzano verso lo studio dal vero.Dal 1885 partecipa periodicamente alle Promotrici cittadine ove ottiene un vasto consenso di critica e pubblico. Dal 1899 al 1902 compie un lungo viaggio in Sud America dalla Patagonia alla Terra del Fuoco, esponendo a Buenos Aires numerose opere ispirate a quei luoghi. Al ritorno si stabilisce in Toscana, nella zona di Torre del Lago, creando con gli amici pittori toscani lo scapigliato 'Club della Boheme'. La grande tela degli Emigranti fu acquistata dallo Stato alla Prima Triennale di Belle Arti di Torino del 1896, nonostante i giudizi non favorevoli comparsi su due importanti riviste come "Emporium" e "Natura ed Arte" . L'opera - che evidenzia il perdurare dell'interesse per una pittura di realismo sociale attenta a denunciare la dura vita delle classi subalterne nell'Italia postunitaria - affronta il momento della partenza degli emigranti con sguardo lucido, rappresentando con minuzia descrittiva l'attesa dell'imbarco sulla banchina del porto di Livorno. Viene messo in scena dall'artista un evento corale che racchiude al suo interno le singole storie personali, dalla donna in primo piano che attende rassegnata e rivolge il suo sguardo verso lo spettatore, alla madre che allatta, dal mendicante ai gruppi di famiglie con le valigie accanto. Una rappresentazione collettiva, in cui il grande formato contribuisce a rendere l'opera una monumentale rappresentazione dell'emigrazione italiana, tema che veniva contemporaneamente affrontato anche dal pittore livornese Raffaello Gambogi, amico di Tommasi e allievo di Fattori , con una raffigurazione più intima, avente protagonista una singola famiglia

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.