Lingue

Genova

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Ippolito Caffi
Tipologia: dipinto

Descrizione

Il dipinto in esame, raffigurante una veduta della città e del porto di Genova visti dall'alto, rappresenta una replica, o meglio una versione, di quelle vedute del capoluogo ligure che Caffi dipinse durante i diversi soggiorni nella città tra il 1849 ed il 1953, a partire dal "Panorama di Genova" (1849, Venezia, Galleria d'Arte Moderna, Ca' Pesaro). Rispetto a quest'ultimo, che ne rappresenta certamente il prototipo, la versione della galleria sembra più prossima alla veduta della Galleria d'Arte Moderna di Genova, datata 1850, ripresa dal medesimo punto di vista fra la collina degli Angeli di Granarolo e il santuario di San Francesco di Paola. Identico in entrambi i dipinti, è il desiderio di cogliere le variabili dell'effetto della luce in uno stesso spazio in momenti diversi, motivo che aveva guidato la poetica del vedutismo e del paesaggio di Caffi e che portava l'artista a prestare massima attenzione non solo alla topografia della città, derivata dalla sua formazione di pittore prospettico, ma anche alle variazioni atmosferiche nelle diverse ore del giorno e nelle diverse stagioni. Tuttavia, la veduta del 1853 appare un'opera che presta maggiore cura, rispetto alle altre, alla resa atmosferica - la leggera foschia che copre come un velo rosato la veduta, la linea dell'orizzonte che sfuma nel cielo che occupa due terzi della tela, dominato dalla grande nuvola - dilatando l'impaginazione in senso orizzontale e allargando lo sguardo ad una visuale panoramica e ampia, al contrario di quella genovese il cui punto di vista è leggermente più ravvicinato; inoltre il dipinto della Galleria Nazionale d'Arte Moderna differisce stilisticamente anche dalla veduta di Ca' Pesaro del '49, dall'andamento più orizzontale e panoramico, e una maggior cura del dettaglio topografico. Dal confronto tra le due opere, infatti, risulta evidente come nella prima sia evidente quella sintesi tra veduta topografica e paesaggio romantico peculiare del pittore bellunese, totalmente assente nella seconda

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.