Lingue

Fulvia

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Gangeri Letterio Detto Lio
Tipologia: scultura

Descrizione

Proveniente da una famiglia di scultori, Lio Gangeri compì i primi studi alla Scuola di disegno dell'Università di Messina; completò poi la sua formazione a Roma, alla fine del settimo decennio dell'Ottocento, sotto la guida di Giulio Monteverde. Quest'ultimo lo introdusse nell'ambiente artistico ufficiale della capitale, dove lo scultore messinese prese parte alle esposizioni della Società Amatori e Cultori di Belle Arti ed ottenne importanti incarichi pubblici. Si ricordi il Monumento a Marco Minghetti, innalzato in piazza San Pantaleo nel 1895, e le due statue allegoriche raffiguranti La scultura e La pittura realizzate nel 1910 per il Monumento a Vittorio Emanuele II (presentate in gesso nel 1911 all'Esposizione Internazionale di Roma). Nel 1883 Gangeri partecipò all'Esposizione di Belle Arti di Roma con un gesso intitolato Fulvia; allo stesso anno risale la commissione del Ministero della Pubblica Istruzione per la traduzione in marmo di suddetta opera. Fulvia (77 a.C. - 40 a. C.) fu la moglie del triumviro della Repubblica romana Marco Antonio, che sposò nel 44 a.C. Durante le proscrizioni volute dal marito, con lo scopo di combattere gli uccisori di Cesare, guardò con soddisfazione la testa di Marco Tullio Cicerone, assassinato - in quanto nemico dei triumviri, anche se estraneo alla congiura contro Cesare - nel 43 a.C. Gangeri ritrae l'ambiziosa matrona romana - in una composizione a metà tra il mezzo busto e il gruppo scultoreo, vestita di un chitone che lascia semiscoperto un seno - mentre, trattenendo in grembo la testa recisa di Cicerone, tenta di infilzarne con uno spillone la lingua, punendone simbolicamente l'eloquenza. Il prototipo di donna indomita, sebbene di tutt'altra forza espressiva, potrebbe essere rintracciato nella Victa di Francesco Jerace del 1880, oggi al Museo Civico di Napoli (cfr. Paladino, 1997, p. 114)

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.