Lingue

Dal Cunicolo di Veio

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Carlo Lorenzetti
Tipologia: scultura

Descrizione

La versione in gesso venne esposta da Carlo Lorenzetti nel 1895 alla I Biennale di Venezia, mentre la fusione in bronzo fu presentata, e acquistata dallo Stato, alla Biennale del 1899. Come indicato dall'iscrizione posta sul lato sinistro della roccia che fa da base alla figura del guerriero, la scultura simboleggia il momento conclusivo della conquista romana di Veio, una delle più estese città etrusche. Secondo Tito Livio , l'ultima guerra contro Veio iniziò nel 407 a.C. per poi terminare, dopo un assedio di circa dieci anni, nel 394 a. C. con la distruzione della città da parte del dittatore Furio Camillo. Lorenzetti, nato a Venezia e formatosi presso l'Accademia di Belle Arti di quella città, fu principalmente autore di opere di soggetto storico, monumenti e ritratti di uomini illustri, eseguiti prevalentemente su commissione del Comune di Venezia . A Roma, per il Gianicolo, realizzò il busto del patriota Gustavo Modena

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.