Lingue

Biumo presso Varese dove rimase ucciso Ernesto Cairoli

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Carlo Ademollo
Tipologia: dipinto

Descrizione

La battaglia di Biumo presso la città di Varese è ricordata nel libro "Varese. Garibaldi ed Urban nel 1859" scritto nel 1863 dal sacerdote Giuseppe Della Valle (1823-1877). In questo testo si narra la battaglia combattuta a Biumo Inferiore il 26 maggio del 1859 tra i garibaldini e gli austriaci del maresciallo Karl von Urban. In questa occasione perse la vita il patriota Ernesto Cairoli (1832-1859) che, dopo aver partecipato ai moti del 1853 e del 1857, si orientò verso la collaborazione con la monarchia costituzionale sabauda, cosicché nel 1859 accorse come volontario tra i Cacciatori delle Alpi. Garibaldi negli ultimi giorni di maggio occupò di sorpresa Varese e riuscì a battere le truppe di Urban prima in questa città e poi a San Fermo presso Como. Il 26 maggio, in particolare, Garibaldi, nell'attesa dell'arrivo delle truppe nemiche, aveva fatto costruire all'ingresso di Biumo una barricata che correva dal muro di cinta di Villa Nerini fino a quello della chiesa di San Cristoforo. In questo ristretto spazio i Cacciatori delle Alpi si opposero all'avanzata degli austriaci ed Ernesto Cairoli, appena ventisettenne, lanciandosi sul nemico dopo aver varcato la fortificazione, venne colpito mortalmente al petto e alla fronte. Ademollo ritrae il luogo della morte del patriota poco dopo gli avvenimenti e molto probabilmente l'artista si servì di questo studio per dipingere "La morte di Ernesto Cairoli a Varese", quadro oggi disperso, ma presentato da Ademollo nel 1861 all'Esposizione Nazionale di Firenze

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.