Lingue

Balla di fieno

La Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea

Autore: Pino Pascali
Tipologia: oggetto ricreato

Descrizione

"Balla di Fieno" viene presentata per la prima volta nella mostra antologica dedicata a Pascali e ordinata da Palma Bucarelli nel 1969 alla Galleria Nazionale, pochi mesi dopo la prematura scomparsa dell'artista. L'opera fece parte del consistente nucleo di lavori di Pascali che sarebbe entrato, subito dopo la mostra, nelle collezioni permanenti della Galleria Nazionale d'Arte Moderna. La Bucarelli nel catalogo pubblicato per la mostra inseriva questo lavoro nella serie da lei denominata "elementi della natura", opere attribuite al 1967 La genesi dell'opera è abbastanza controversa poiché non è stato possibile reperire alcuna documentazione originale nella quale veniva riprodotta o citata come lavoro autonomo e concluso, inoltre non ha partecipato ad alcuna mostra dedicata all'artista fra il 1967 (data della probabile esecuzione) e il 1969.Queste lacune documentarie hanno portato alcuni critici (cfr. Tonelli, 2011,p.), a considerare "Balla di Fieno" un opera non finita o come elemento modulare di un'istallazione più complessa come ad esempio risulta con "Cornice di Fieno". Il valore modulare viene però smentito dal confronto diretto dei due lavori, di cui i supposti moduli hanno misure molto differenti tra loro, quindi non è possibile accettare la tesi di Marco Tonelli che nel suo catalogo generale delle sculture di Pascali, colloca l'opera in questione fra quelle "attribuite"

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.