Lingue

Veduta di Perugia

Galleria Nazionale dell'Umbria

Autore: Giovanni Ellero (attribuito)
Tipologia: dipinto

Descrizione

L'acquerello è entrato nei depositi il 01.06.2001. Proviene dall'Ufficio Protocollo di Via Ulisse Rocchi. Nella stessa cornice è conservato un altro acquerello raffigurante anch'esso Palazzo dei Priori. I disegni fanno probabilmente parte di una raccolta intitolata "Perugia scomparsa", composta di paesaggi, commissionati all'autore dalla Sovrintendenza di Perugia. Nell'acquerello, diviso in due parti, l'a. offre nella destra la veduta del prospetto e una sezione della facciata prospiciente l'antica Piazza Grande come dovevano apparire alla fine del XIII secolo, indicando i punti, contrassegnati da simboli diversi, in cui si trovano un muro riportato, la linea nitida della cortina , le antiche fondazioni, una cornice più antica. Nell'acquerello di sinistra, Ellero riporta un particolare della veduta laterale della scala a ventaglio che dà accesso alla sala dei Notari fatta ricostruire in questa forma nel 1902. Ellero dopo il 1905 si dedicò all'insegnamento di "Decorazione" prima nella Scuola di Arte applicata, in seguito nell'Accademia di Belle Arti ed infine nell'Istituto d'Arte. Per la datazione si è tenuto conto delle notizie riportate da M. Ventura nella scheda di catalogo in A. C. Ponti/ M. Duranti, Visio Umbriae. Paesag gio in Umbria nell'Ottocento e nel Novecento, catalogo della mostra , Perugia 1987, p. 98. Nello stesso catalogo sono riprodotti tre acquerelli il cui confronto con questo e gli altri della Galleria rivela molti elementi in comune, come per es. le dimensioni dei fogli. Per una scheda bio-bibliografica aggiornata sull'autore si veda, J. Sc hepers, in Saur - U. Thieme, F. Becker, Allgemeines Lexikon Kuenstler-Lexi kon, v. 16, Muenchen-Leipzig 2002

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.