Lingue

Santo Stefano

Sculture dei tabernacoli esterni della Chiesa di Orsanmichele

Autore: Lorenzo Ghiberti
Tipologia: statua

Descrizione

La statua di Santo Stefano di Lorenzo Ghiberti fa parte del ciclo delle quattordici statue dei protettori delle Arti di Firenze nelle nicchie esterne della chiesa di Orsanmichele. Fu commissionata dall'Arte della Lana e risale agli anni fra il 1427 ed il 1428. È in bronzo ed è alta 260 centimetri. Oggi si trova conservata all'interno del Museo di Orsanmichele, mentre all'esterno è sostituita da una copia. La statua ritrae santo Stefano secondo le fattezze tradizionali di fanciullo con la dalmatica, avvolto da un mantello che disegna un elaborato panneggio. Nella mano sinistra tiene un libro chiuso e in quella destra un pennino perduto. La statua non è particolarmente apprezzata dalla critica, che la colloca nel percorso artistico dell'autore come un lavoro dove prevale il cesello sulla scultura, con una certa cura nel colletto e nei lineamenti del volto, ma più approssimativa nei capelli, nelle mani e nel bordo del mantello. Il piede sinistro che sporge è appena abbozzato. Il Vasari ne apprezzò solo la verniciatura in bronzo. Rilevando il confronto col vicino San Matteo e col San Giovanni Battista, sempre di Ghiberti, si nota uno stile più manierato, con un panneggio che sembra un'involuzione verso il tardo gotico. La critica più recente ha però messo in luce anche l'attenzione tutta rinascimentale alle volumetrie, alle proporzioni ed all'impostazione classica del volto, che richiama anche il San Filippo di Nanni di Banco, forse derivati da un archetipo comune.

Photo and Text Credits: it.wikipedia.org

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.