Lingue

Ercole nel giardino delle Esperidi

Museo di Palazzo Vecchio

Autore: Marchetti Marco Detto Marco Da Faenza
Tipologia: dipinto
Sala: Quartiere degli Elementi, sala di Ercole

Descrizione

L'episodio narrato fa parte delle dodici fatiche di Ercole: l'eroe doveva consegnare al re Euristeo i pomi custoditi dal serpente Ladone nel giardino delle Esperidi, posto ad occidente sulle pendici del monte Atlante. Dopo innumerevoli avventure Ercole, giunto nel giardino delle 'figlie della sera' uccise con la clava il serpente che aveva assunto l'aspetto di un drago e portó i pomi aurei, dono di nozze di Gea a Giunone in occasione del matrimonio con Giove, ad Euristeo. Nei 'Ragionamenti', Vasari prende spunto da questo episodio per dare ulteriore lustro ad una delle prime imprese militari del duca Cosimo, la presa di Montemurlo durante la guerra di Siena fornendo questa giustificazione: "se puó esser piú bella la virtú in que' principi, che spettando l'occasione, e che addormentati i nimici, quando men pensano al pericolo, la virtú di un solo giudizio vince la confusione di maggior forza"

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.