Lingue

Ercole e l'Idra di Lerna

Museo di Palazzo Vecchio

Autore: Marchetti Marco Detto Marco Da Faenza
Tipologia: dipinto
Sala: Quartiere degli Elementi, sala di Ercole

Descrizione

Il medaglione raffigura una delle dodici fatiche imposte ad Ercole come punizione per aver ucciso i propri figli. Al servizio del re Euristeo per dodici anni, Ercole affrontò il mostro dalle sette teste che devastava la palude di Lerna nell' Argolide e lo uccise con l'aiuto del nipote Iolao. Dopo averlo stanato e colpito inutilmente con le frecce, il mitico eroe tagliò con la spada le teste del mostro, ma ad ogni testa tagliata ne rinascevano due. Incendiato un bosco vicino, Iolao portò ad Ercole un tizzone ardente in modo che l'eroe potesse bruciare le ferite dell'Idra e non rinascessero nuove teste. L'ultima testa era immortale ma Ercole riuscì a mozzarla e schiacciarla sotto un masso; infine bagnò le sue frecce nel sangue sparso dal mostro in modo che le ferite provocate in futuro da quei dardi divenissero fatali. Il mito delle dodici fatiche, cui si aggiunsero altri episodi relativi ad imprese collaterali compiute da Ercole, nacque come serie di racconti in cui si glorificava la vittoria del forte, adatta ad essere illustrata sui fregi dei templi e nei cicli di affreschi; ha poi assunto un significato morale di vittoria del bene sul male inteso dal Vasari, ideatore del ciclo, come monito per il principe che governa: la superbia e la falsità vanno abbattute come le teste dell'Idra

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.