Lingue

Ritratto di Gino Parenti

Museo Novecento

Autore: Bonichi Gino Detto Scipione
Tipologia: dipinto

Descrizione

Nel 1930 Scipione dipinse due ritratti all'amico e vignettista della "Italia Letteraria", Gino Parenti. Uno di essi nel 1941 entrò nella collezione veneziana di Carlo Cardazzo, per poi essere acquistato dalla Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata. L'altro, ossia l'opera in esame, già nel 1939 era di Alberto Della Ragione. Il cartellino che documenta la mostra di Scipione a Biella del 1963 e quello dattiloscritto e numerato "1", presenti sul retro del quadro, indicano la pittura come un bozzetto e infatti essa risulta affrettata e con lacune di colore sulla tela specie ai bordi e in basso. Più approssimata e meno espressivamente incisiva risulta la tela della Collezione della Cassa di Risparmio della Provincia di Macerata ed è da credere, dunque, che il quadro di Della Ragione sia stato uno studio ultimo per la redazione finale di un ritratto a Gino Parenti poi mai realizzato. Sul retro della tela del dipinto fiorentino compare anche la scritta corsiva a penna "Il padre di Scipione / Bonichi Serafino", che però, non si può intendere come identificazione del ritratto, che nelle altre fonti è sempre indicato come Gino Parenti

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.