Lingue

Natura morta con fiori

Museo Novecento

Autore: Mario Mafai
Tipologia: dipinto

Descrizione

Mafai comincia a dipingere la serie dei "Fiori secchi" dopo il 1931, cioèdopo il soggiorno a Parigi e ne dipinse fino verso il 1938. Tra i precedenti per questo soggetto è da ricordare una mostra che De Pisis tenne alla Galleria Roma, poco dopo quella di Mafai, Scipione e altri nel 1928. Ebbero certamente peso anche gli studi di Mafai e Scipione alla fine degli anni Venti sulla pittura del '600. Dopo il soggiorno parigino Mafai schiarì la sua tavolozza: in questo caso i toni sono perlacei e luminescenti, i colori sono grigi, bianchi, azzurri sui quali spiccano alcune note scure di viola. A proposito dei dipinti di fiori Mafai dice che metteva al sole i fiori e li dipingeva mentre si decomponevano . La tematica, quella dell'abbandono della vita è la stessa di altri dipinti di questi anni - come le "Demolizioni" - e dei successivi come le nature morte di oggetti, fiori , frutta e trova consonanze con la poetica di Ungaretti espressa in quegli anni sulla rivista "Fronte" . Il dipinto è stato esposto nel 1938 con il titolo di "Fiori appassiti" . Non sappiamo quando Della Ragione acquisì quest'opera di Mafai. Per i contatti fra i due si rimanda alla scheda dell' "Autoritratto"

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.