Lingue

Milton cieco detta il suo poema alle figlie

Galleria d'Arte Moderna

Autore: Enrico Fanfani
Tipologia: dipinto
Sala: sala 5

Descrizione

Sandra Pinto ha identificato il quadro di Milton citato solo nell'Inv. 1867, a causa delle trasformazioni politiche di quel periodo, con la tela esposta alla Società Promotrice di Firenze del 1857. Tuttavia già l'anno precedente, dunque nel 1856, il dipinto era stato oggetto di confronto e veniva ritenuto inferiore rispetto al "Tasso nel convento di Sant'Onofrio", proposto alla mostra dell'Accademia di Belle Arti. Enrico Fanfani mostrava allora di rinnovare i temi storico-letterari cercando di sperimentare una tecnica coloristica diversa, influenzata dal movimento della tassellatura a macchia. Il quadro, nella letteratura coeva, è citato come non perfettamente riuscito e si rimproverava all'artista la mancanza di "vigore di tinte", e di conseguenza si preferiva il migliore effetto ottenuto nella tela avente per soggetto "Gli ultimi momenti di Beatrice Cenci", già apparso nel 1855 sempre nelle Sale della Società Promotrice . I poemi di Milton che tanto ispirarono la cultura romantica in campo pittorico e plastico, erano stati tradotti nel 1842 da Lorenzo Nencini e pubblicati a Firenze dalla Stamperia Piatti

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.