Lingue

Cecilia

Galleria d'Arte Moderna

Autore: Domenico Trentacoste
Tipologia: scultura
Sala: sala 28

Descrizione

Nel 1891 Trentacoste espose alla Royal Academy di Londra, insieme al ritratto del pittore inglese Edwin Long , un busto in marmo intitolato Cecilia che, acquistato dalla principessa del Galles in persona portava immediatamente alla ribalta il nome di Trentacoste nell'ambiente artistico inglese . Il busto in marmo,e tanto più il modello originale in gesso pervenuto alla GAM tramite la donazione di Fernanda Ojetti erede fiduciaria dello scultore, nel 1933, era già completato nel 1899, come conferma una richiesta di acquisto del 15 maggio di quell'anno e una lettera di Vittoria Pica a Trentacoste . Un'altra versione del busto, in cera, molto simile, e delle stesse dimensioni, appartenne alla Galleria Ricci Oddi di Piacenza . Con la Cecilia, insieme alla Pia dei Tolomei , Trentacoste si elevava, secondo Vittoria Pica, "dalla forma puramente decorativa dei busti mitologici di terracotta a quella troppo legata al vero dei ritratti, alle quali erasi fin allora limitato" e "rivelava appena la possanza originale dell'arte sua" creando immagini in cui alla purezza della forma e "alla compostezza armoniosa dell'insieme" si univa "la preoccupazione assidua di dare ai volti da lui plasmati la suprema bellezza dell'espressione psicologica"; e in ciò egli rivelava tutta la sua modernità della sua ispirazione . Con la Cecilia, lo scultore, su un impianto e un trattamento scultorei di derivazione rodiniana, si avvicina a una maggiore semplificazione e ricerca di purezza di ispirazione neo-quattrocentesca - evidente anche nel taglio del busto, e dello scollo, nella stessa composizione nel suo insieme, nel volto dal mento leggeremente rialzato e dagli occhi socchiusi, che possono ricordare opere del Laurana come la Battista Sforza - in parallelo a ricerche analoghe condotte in quegli anni a Parigi da artisti belgi come Vincotte e Dillens, e francesi come Paul Dubois. L'unione di raffinatezza stilistica e allusioni colte spiega il grande successo ottenuto da questa opera nell'ambiente inglese, particolarmente sensibile a questo tipo di soluzioni, ambiente che esercitò a sua volta una notevole influenza sullo stesso Trentacoste

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.