Lingue

Fontana dei Delfini (fontana monumentale)

Giardini reali - Parco della Reggia di Caserta

Autore: Gaetano Salomone
Tipologia: fontana monumentale

Descrizione

Il Patturelli, nella sua guida alla Reggia, riporta: "La prima denominata dei Delfini, detta comunemente 'Canalone' dalla forma che presenta di lungo canale ... questo lungo canale cinto di ringhiera di ferro di palmi 1800 per 103; nella sua testata sopra degli scogli vi sono tre grossi delfini, dalle bocche dei quali scaturisce acqua...". In seguito, lo stesso Patturelli riferirà che "..unitamente alle altre peschiere e alle cascate, fu costruita dal 1776 al 1779, costeggiata da boschetti laterali di 400 palmi di larghezza". Anche il Chierici ne parla: "Nel parco le fontane erano già compiute . Quella dei Delfini è forse opera di G. Salomone, al quale si debbono pure le altre due di Cerere e di Venere e Adone". Izzo conferma la tesi del Patturelli relativa alla data di esecuzione: "Questa vasca, progettata e costruita da Carlo Vanvitelli, che rielaborò liberamente i disegni paterni, fu portata a termine nel 1779, a distanza di tre anni dall'inizio dei lavori - aggiungendo poi che - le sculture di questa fontana furono affidate a G. Salomone". Nel suo complesso la fontana, già detta "dei Tritoni", venne semplificata rispetto al progetto originario, così come risulta dalla veduta del 'Gran Parterre' nella tavola XIV della 'Dichiarazione dei Disegno'. Infatti ai quattro putti alati circondati da coppie di statue rappresentanti donne panneggiate , si viene a sostituire una serie di tre delfini. Resta tuttavia invariato il significato simbolico in quanto la fontana principale era dedicata ai Fiumi Reali Ibero, Vistula e Sebeto, in una concezione assai simile a quella di Versailles

Photo and Text Credits: catalogo.beniculturali.it

Prova inQuadro!

Se non ti trovi al museo clicca sul link di seguito e potrai testare la nostra guida inquadrando alcune opere direttamente nella pagina DEMO.

Sei nei dintorni?

Se ti trovi nei dintorni del museo puoi raggiungerlo e inquadrando con il tuo mobile potrai scoprire l’audioguida.